Mostra temporanea

“GHISALLO IN GIALLO. Storie e personaggi del Tour de France”

Il Tour de France, nato nel Novecento, prima edizione nel 1903, quest’anno partirà dall’Italia.

Non era mai accaduto in passato nella leggendaria storia della corsa francese. Sarà l’evento ciclistico dell’estate, con partenza da Firenze il 29 giugno, poi Rimini, Cesenatico, Bologna, Piacenza, Torino e Pinerolo, le prime tre tappe in territorio italiano.

Il Museo del Ghisallo intende onorare la manifestazione con una Mostra dal titolo significativo, “Ghisallo in Giallo. Storie e personaggi del Tour de France dal 1903 ad oggi” raccontando la storia e il mito della Grande Boucle con un’esposizione temporanea ricca di importanti oggetti: biciclette, maglie, fotografie, cimeli ed oggetti vari appartenuti ai più grandi campioni del ciclismo. Un’esposizione che intende valorizzare gli oggetti legati alla corsa francese in collezione del Museo, ma che al contempo si impreziosirà grazie ad importanti prestiti e collaborazioni con collezionisti privati, aziende di settore quali Nalini, Pinarello, BMC, ed altri importanti musei italiani e stranieri del mondo del ciclismo, fra cui il Museo del Ciclismo Gino Bartali di Firenze, Spazio Pantani, la nascente Casa Museo di Ottavio Bottecchia, i musei francesi Notre-Dame Des Cyclistes La Bastide D’armagnac, il museo Belga di Koers Museum di Roselaire.

La mostra celebrerà innanzitutto i nostri eroi che hanno vinto nel tempo la corsa francese, Ottavio Bottecchia cent’anni fa esatti (nel 1924 e ’25), Bartali e Coppi, Nencini e Gimondi, Pantani e Nibali, ma anche quelli che pur non vincendo sono stati protagonisti, oltre ai leggendari campioni stranieri capeggiati da Eddy Merckx e che comprendono tanti altri personaggi, dai “giganti della strada” d’inizio novecento sino a Hinault, Indurain, Anquetil, sino a Pogačar e Vingegaard, gli attuali grandi interpreti della sfida più importante del ciclismo.

La Mostra verrà inaugurata a metà aprile e sarà vivitabile fino all’inizio di settembre