Il Museo del Ghisallo quest’anno diventa anche Campus. Dal 18 giugno, per tre settimane, il museo del ciclismo ospiterà i ragazzi di alcuni centri estivi accompagnati dalla cooperativa sociale La Spiga di Meda.

Diverse le attività proposte, da una coinvolgente e mirata visita guidata della collezione rivolta ad un pubblico più giovane, ad attività laboratoriali più coinvolgenti, dove i partecipanti, suddivisi in gruppi affronteranno una sfida a squadre diventando protagonisti di divertenti giochi con la bicicletta, pedalando sui rulli e risolvendo quiz che permetteranno di scoprire ed approfondire tematiche legate alla storia del ciclismo, ma soprattutto di ritrovare i pezzi di una bicicletta da ricomporre nascosti appositamente nel museo.

Il programma è coordinato dal volontario Arturo Binda, Maestro di Mountain Bike e Ciclismo Fuoristrada, che si occupa da sempre per il Museo delle attività del museo per i ragazzi, con il supporto di Clara Azzali, responsabile interna dei servizi educativi del museo.

Dopo la notte al Museo che ha sancito l’apertura stagionale del Museo e portato al Ghisallo numerosi giovani di diverse fasce d’età, con questi appuntamenti formativi estivi il museo raggiunge e conquista un pubblico sempre più giovane e diventa veramente formativo, centrando un obiettivo importante “quello di tramandare la sensibilità per la storia della bicicletta e del ciclismo, fare respirare e vivere i valori del ciclismo, divertire e aprire le menti di questi giovani frequentatori, appassionati del futuro”.

Press info Luciana Rota
Resp. Comunicazione Museo del Ghisallo_AcdB Museo
iPhone +39 3921968174